sabato 29 gennaio 2011

Il discorso del re: recensione e trama del film candidato a 12 premi Oscar con Colin Firth


Anticipato da 12 nomination agli Oscar 2011, è uscito in Italia oggi 28 gennaio "Il discorso del re" (titolo originale The King's speech), pellicola anglo-australiana diretta da Tom Hooper incentrata sulla figura di re Giorgio VI.  
Nelle quasi due ore di proiezione, grazie anche ad una trama ben congeniata, lo spettatore segue con attenzione il percorso di crescita  del secondogenito del re d'Inghilterra Eduardo VII, Albert, impegnato nella lotta contro un carattere fin troppo timido e remissivo ed una balbuzie pronta a manifestarsi ad ogni evento pubblico in cui sia chiamato a parlare. 
Tom Hooper, pur non allontanandosi mai dal canovaccio offerto dalla realtà storica dei personaggi, riesce a fare entrare lo spettatore nella vita del duca di Windsor, a dare il materiale adatto affinchè possa analizzarne la  psiche, scoprirne i lati più reconditi del carattere, grazie sia ad un continuo ricorso a primi piani ed alla ricerca dei particolari del corpo che meglio possano manifestare le incertezze del futuro re, sia soprattutto grazie a quella che altrove è stata definita la migliore performance in assoluto di Colin Firth.

Negli ampi saloni dei palazzi reali, per le strade di una Londra piovosa ma affascinante, nei palazzi popolari di una periferia già  densamente abitata,  vi  è sempre dovizia di particolari e descrizioni, senza che nulla sia realmente lasciato al caso, sia esso uno scomodo e piccolo ascensore di un palazzo popolare o l'eccessivo sfarzo dei banchetti organizzati da David appena divenuto re Eduardo VII.  Particolare attenzione è stata data anche a costumi e trucco in modo tale che lo spettatore, sopratutto quello anglosassone, potesse facilmente riconoscere i personaggi principali ancor prima che questi parlassero: la famiglia reale intera, compresa la discussa Wallis Simpson, è stata infatti perfettamente caratterizzata.
Perfetta è la descrizione del complesso rapporto che Giorgio VI ha con l'utilizzo della radio, impaurito da quella macchina in grado di trasmettere la sua voce a tutta la popolazione ma conscio del ruolo fondamentale che questo avrebbe avuto per la figura del re e per la nazione in generale.  Da figura muta e presenzialista, il re d' Inghilterra era chiamato infatti ad entrare nelle case di tutti i suoi sudditi attraverso la radio, a parlare, a confortare la popolazione nei momenti bui ed a caricarla affinchè potesse uscirne. 

Colin Firth interpreta in maniera magistrale Giorgio VI, riuscendo a dare uno spessore inatteso al personaggio del secondogenito di Giorgio V, timido e balbuziente, in grado poi di affrontare le proprie paure ed i propri limiti per il bene della nazione ancor prima che per se stesso.  Eccezionale anche Geoffrey Rush (già candidato all'Oscar in passato per Shakespeare in Love e Quills la penna dello scandalo, conosciuto anche dai più giovani per aver interpretato il pirata Barbossa nella trilogia de I pirati dei Caraibi)  nei panni del logopedista australiano dai metodi alternativi. Più che buona anche la performance di Helena Bonham Carter (recentemente apprezzata regina di cuori in Alice nel Paese delle meraviglie di Tim Burton). Che tutti e tre i principali interpreti del film siano stati candidati all'Oscar non è un caso.  

Davvero piacevole e perfettamente adatta la colonna sonora,  bella la fotografia.  Anche se probabilmente il bottino finale di Oscar non sarà elevatissimo (delle sette candidature ai Golden Globe il film ha "portato a casa" solo il premio consegnato a Colin Firth per la migliore interpretazione in ruolo drammatico), si tratta al momento del miglior film uscito in Italia nell'attuale stagione cinematografica. 
E' un peccato, ma su questo argomento ci sarebbe da discutere non poco, che il film, nonostante le dodici candidature all'Oscar, sia stato distribuito in poco più di 160 sale cinematografiche disseminate sull'intero territorio nazionale. 

Giudizio complessivo: @@@@@1/2

Di seguito è descritta parte della trama.  Il trailer è stato precedentemente pubblicato qui

Il duca di Windsor Albert, Bertie per la famiglia, è persona riservata, timida e balbuziente allorquando doveva tenere discorsi in pubblico.  Dopo aver provato le soluzioni proposte da diversi medici e logopedisti, su richiesta della moglie decide di recarsi nello studio di un logopedista di origini australiane, Lionel Logue, il quale, con metodi poco ortodossi ed alternativi, proverà a dar al futuro Giorgio VI la forza necessaria per vincere sia la paura che la balbuzie. 


Un riferimento a questa recensione verrà pubblicato anche nel laboratorio napoletano

10 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

presto anche la mia recensione
che però devo dire sarà piuttosto di segno opposto e certo molto meno entusiasta uahahaha :)

Fabrizio Reale ha detto...

Il bello dei blog cinefili è che vengono scritte opinioni del tutto personali ed è sempre un piacere notare come una stessa pellicola possa generare sentimenti ed idee del tutto differenti.

Verrò da te a leggere la recensione con piacere

cinemaleo ha detto...

Sicuramente uno dei migliori film che abbia ultimamente visto

marco46 ha detto...

film bellissimo, che sicuramente porterà a casa una carriolata di Oscar
chissà perché in Italia (con tutte le storie e le dinastie che potremmo utilizzare) nessun produttore vuol rischiare i suoi soldi in film del genere
e adesso mi metto a scrivere il mio post

Fabrizio Reale ha detto...

@ leo: concordo pienamente

@ marco46: Meglio investire su facili risate e facili incassi che sulla qualità. A Napoli, faccio l'esempio della mia bella città, Il discorso del re è uscito in solo due sale in città, che diventano cinque in tutta la provincia, multiplex nei centri commerciali compresi...

marco46 ha detto...

il problema è nella distribuzione: a livello nazionale QUALUNQUEMENTE è proiettato su più di 600 schermi (01 Distribution) e IMMATURI (Medusa) su 519, mentre IL DISCORSO DEL RE solo su 170 (4 delle quali a Bologna)
ma prevedo che dopo gli Oscar le sale aumenteranno

Fabrizio Reale ha detto...

Non so se talvolta siano peggio i distributori o i titolisti italiani...

palbi ha detto...

hey geoffry rush un oscar l'ha anche vinto eh (shine) ;)

Il Cineocchio ha detto...

Bellissimo film, sicuramente uno dei migliori dell'anno: ai prossimi Oscar la sfida tra questa pellicola e "The Social Network" di Fincher sarà agguerritissima.

Pompiere ha detto...

Non il miglior film uscito in questo periodo. Secondo me qualche pecca ce l'ha...
http://pompieremovies.com/2011/01/31/il-discorso-del-re/

Posta un commento

nota bene

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001.
L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.