lunedì 18 aprile 2011

Limitless: recensione e trama del film con Bradley Cooper, Robert De Niro, Abbie Cornish


Può una pillola renderti ricco e potente?  Il sottotitolo di Limitless riassume in meno di dieci parole la trama di questo thriller fantasy diretto da Neil Burger (The illusionist).   Protagonista della pellicola è Bradley Cooper, che interpreta Eddie Morra, scrittore in crisi, depresso, trasandato ed appena lasciato dalla propria ragazza. L'incontro con l'ex cognato e la proposta da parte di questo di assumere una favolosa pillola, prodotto farmaceutico in fase di sperimentazione, che dà la possibilità all'utilizzatore di sfruttare interamente il proprio cervello, cambierà completamente la vita di Eddie. 
Lo spunto del film è sicuramente interessante ed abbastanza originale, Bradley Cooper è bravo nell'interpretare il duplice ruolo di Eddie Morra, che passa dall'essere uno scrittore squattrinato, senza idee, sciatto e rozzo al rampante ed ambizioso giovane tirato a lucido, il punto di forza della pellicola è sicuramente però la regia di Neil Burger, che riesce con diverse tecniche a far ben comprendere allo spettatore le differenze sensoriali provate dal protagonista durante l'assunzione della pillola trasparente, l'NZT, una droga potentissima e pericolosissima.  Dalle riprese tradizionali si passa infatti a immagini grandangolari come se gli occhi diventassero un potente obiettivo fish-eye, i colori diventano più nitidi, aumenta la risoluzione visiva, le riprese attraverso i cruscotti delle macchine a velocità aumentata danno l'idea di chi si muove più rapidamente ed agilmente di altri. In poche parole, il regista riesce con qualche accorgimento e sapiente direzione a trasformare in sensazioni visive l'effetto della pillola. Con il passare dei minuti, con l'avanzare della proiezione, diventa difficile schedare la pellicola: pur essendo un thriller sono diversi gli aspetti fantasy e non mancano diverse peculiarità di altri generi e pian piano, con l'aumento della consapevolezza del protagonista di poter far qualsiasi cosa, il fantasy cede il passo a un thriller sanguinario e violento.  Se è certo che non si tratta di un film adatto ai bambini, alcune scene sono talmente cruente (mani mozzate, sangue a fiotti et similia) da spingere parte del pubblico femminile a coprire gli occhi in più di una occasione negli ultimi minuti di proiezione.
Per alcuni il film può essere visto come una pesante critica ad un certo modo di vivere sempre di corsa, diventando veri e propri schiavi di antidepressivi e pillole varie.

Molto bravo e particolarmente a suo agio Bradley Cooper, capace di rendere perfettamente le trasformazioni caratteriali legate all'assunzione del farmaco. Discreta Abbie Cornish. Robert de Niro le rare volte che appare sullo schermo offre sprazzi della propria bravura al pubblico.  Nel cast figurano anche Anna Friel, Andrew Howard, Johnny Whitworth e Robert John Burke.

Giudizio complessivo: @@@ 1/2

Di seguito è descritta parte della trama del film

La pellicola inizia con il protagonista, Eddie Morra, sul ciglio del cornicione di un grattacielo alto decine e decine di piani, indeciso se buttarsi giù o tornare indietro. Per arrivare a quel punto della narrazione sarà necessario un lungo flashback che occuperà buona parte del tempo di proiezione.  Eddie Morra (Bradley Cooper) è uno scrittore o, almeno, è un aspirante scrittore con un contratto firmato per un libro ma nessuna parola scritta da consegnare al proprio editore. Divorziato dopo un matrimonio lampo, trasandato nell'abbigliamento, abita in un piccolo appartamento in quartiere cinese, fra cumuli di stoviglie sporche e non lavate, disordine e sporcizia. Poco dopo essere stato lasciato dalla fidanzata, Lindy, interpretata dall'attrice australiana Abbie Cornish, molto somigliante a Nicole Kidman,  il protagonista incontra fortuitamente il proprio ex-cognato, Vernon Gant, che gli regala una pillola trasparente, a detta sua un farmaco per potenziare le capacità intellettuali già in avanzata fase di sperimentazione. Dopo averlo provato ed in poche ore aver dato una ripulita alla propria casa, aver risolto alcuni problemi con la moglie del proprietario di casa ed aver buttato giù, di getto, la prima parte del libro, Eddie torna dall'ex cognato ma, dopo averlo lasciato solo per pochi minuti il tempo di comprare due panini e ritirare un abito in tintoria,  trova l'appartamento devastato e Vernon morto. Entrato in possesso delle pillole il protagonista inizierà una nuova vita, senza conoscere il rovescio della medaglia... 

Questa recensione verrà pubblicata in parte anche sul laboratorio napoletano

3 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

mi sembra un film con del buon potenziale e il fatto che ci siano elementi fantasy in un thriller mi intriga...

Fabrizio Reale ha detto...

L'idea è sicuramente interessante e la regia buona. Del resto anche L'illusionista era un film ben girato. Il finale forse è un po' banale ma non si può chiedere troppo ;)

Velester82 ha detto...

Bel film con un ottima idea di fondo, se esistesse la pillolina magica che ti fa diventare praticamente un semi-dio la prendereste oppure no?
Del resto questa pillola non è altro che una droga che altera per un po' le tue capacità, ma quando vai in astinenza i danni cominciano a farsi sentire, questo almeno per 2/3 del film, poi nella fase finale si dimenticano di questo, sembra quasi che il finale buonista sia staccato dal resto del film, solo sulla fine ci viene suggerito che il protagonista ormai dipende esclusivamente dalla droga e dal poterla reperire, forse questo è il vero limite del film, il mostrare che la pillola non è altro che una droga non diversa dalla cocaina o altro, anzi a metà film ce lo mostra, ma poi sul finale quasi appicicatticcio al resto del film viene quasi dimenticato, peccato poteva essere fatto meglio.

Posta un commento

nota bene

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 7/03/2001.
L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Le immagini ed i video presenti nel blog provengono dal web e quindi valutate di dominio pubblico. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e l'autore provvederà alla rimozione immediata.